Attualità

Il ritiro delle truppe americane dall’ Afghanistan, un grave errore!

Vorrei davvero che il signor presidente degli Stati Uniti d’America mi spiegasse e ci spiegasse l’assurda ed incredibile decisione di ritirare le truppe americane dall’Afghanistan, lasciando la popolazione afgana nelle mani dei talebani che approfittando del ritiro delle truppe statunitensi hanno recuperato tutte le città ed i territori che avevano perduti a seguito della brillanti operazioni belliche americani a cui hanno sempre aiutato, anche i nostri distaccamenti militari italiani. Che senso ha aver ripulito l’ Afghanistan dai talebani e d’averlo restituito alla popolazione, per poi mollare tutto e ad andarsene via? Ritengo che sia stata una mossa sbagliatissima, che ha permesso ai talebani di riconquistare tutto il territorio e le città perdute, perché  l’esercito regolare afgano e la polizia locale non ha assolutamente né uomini preparati, nei mezzi per contrastare la riconquista talebana,  anche la capitale Kabul è prossima cedere le armi. Che la guerra sia durata troppi anni e che non si poteva portarsi altri decenni siamo tutti perfettamente d’accordo ma c’è da chiedersi il perché del sacrificio di vite umane e miliardi di miliardi di dollari che gli Stati Uniti si sono fumati in questa guerra. E adesso? Tutti a casa? Come prima e… peggio di prima! Tutto questo non può avere un senso logico la lotta i talebani andava ha continuato a a qualunque costo abbiamo incluso anche il popolo afghano che lentamente e faticosamente aveva intravisto il ritorno della democrazia oggi Questo popolo è costretto a fuggire dalla città. Gli Stati Uniti in pochi giorni stanno perdendo tutto ciò che erano stati capaci di conquistare in 2 anni di battaglie e qualcuno dovrà pur dire agli americani a cosa sono serviti tanti sacrifici di uomini e di mezzi economici, inoltre credo che il signor Biden   abbia commesso un errore terribile che gli Stati Uniti pagheranno a caro prezzo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: