AttualitàCultura e MusicaEconomiaLa Storia

Barbie: molto più di una bambola

La campagna Mattel:” Puoi essere tutto ciò che desideri” è una risposta alla maggior parte degli stereotipi maschili e femminili, diminuiti solamente tra gli anni Settanta e Novanta, dopo le rivoluzioni sul concetto di libertà, del 1968. Poi, cala il silenzio, poichè sembra quasi ovvio che, con l’arrivo del Nuovo Millennio, ormasi si pensi solo al progresso. Eppure, qualche meccanismo si inceppa e, dopo pochi anni, di nuovo la donna viene considerata oggetto di violenza e di sottomissione, anche se già “sottomissione” è sinonimo di violenza.

Una bambola, per una bambina, rappresenta molto di più che il giocattolo in sé e, soprattutto nella fascia prescolare, non se ne rende conto, ma lei proietta in essa il suo presente, se si tratta di una bambola da accudire, e il suo futuro, se si tratta di una giovane donna, quale è Barbie, dal 1959.

Oggi, la Mattel non produce più solamente quelle in versione femminile, senza imprecisioni e con outfit da sfilata: curvy, in sedia a rotelle o basse di statura, la scelta è molto ampia e ogni cliente deve potersi sentire soddisfatta.

Ogni genitore ha il compito di insegnare, sin dai primi anni scolastici, le differenze fisiche e psichiche tra maschi e femmine, soprattutto per far capire che essi, pur diversi, godono degli stessi diritti e doveri: anzi, se la donna non può concedersi certi lavori” pesanti”, non è perun motivo di debolezza, ma, come appena citato, per una conformazione legata al corpo, che, nella media, può reggere meno sforzi. Inoltre, ogni bambino ha il diritto di seguire i propri istinti qualunque essi siano: è severamente proibito, a livello psicologico, indurlo a seguire un modello in cui non si ritrova.

Se una bambina è consapevole che non è sbagliato iniziare una tipologia di studi e svolgere una certa professione, inizierà a sognare e, poi, quando l’età glielo consentirà, essa sarà già dentro al suo sogno: senza illusioni, ma con la convinzione di non “essere sbagliata” nel provarci.

Infine, rispetto a circa dieci anni fa, la maggior parte dei prodotti è sul mercato a un prezzo inferiore, con lo scopo di avvicinarsi alla maggior parte della clientela, con il loro marchio e non imitazioni.

Regalate bambole, di ogni tipologia, alle vostre bambine: molto di più di un passatempo, il loro rapporto, giorno dopo giorno, si traformerà in una simulazione di esistenza quotidiana e che, fra molti anni, potranno riprodurla con la loro famiglia e con i loro amici.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: