Attualità

Essere donna nel Paese “sbagliato”

1996afghan (1).png

 

Fino al 1996, l’Afghanistan era un territorio sviluppato, nel quale le donne avevano una libertà quasi anche maggiore rispetto ad altri Paesi. Poi, arrivarono i Talebani, che imposero il loro regime e le donne erano ridotte ad oggetti. Ora, gli “studenti coranici” hanno ripreso il controllo dell “Emirato islamico dell’Afghanistan”, è necessario, avendo a disposizione anche più strumenti, non rimanere a osservare immagini e video di un luogo che sta diventando un non-luogo.

Fra il 1996 e il 2001, quando gli americani invasero l’Afghanistan, i talebani imposero su tutto il territorio una stretta interpretazione della sharia, la legge islamica, con la conseguenza di una nazione profondamente violenta, repressiva e instabile.

Le donne che uscivano non accompagnate da uomini venivano picchiate per strada. Il gioco del calcio e la musica vennero banditi. Lo stadio di Kabul venne usato per le esecuzioni pubbliche.

E’ cambiato qualcosa? Pare siano più disponibili al dialogo, ma è ancora presto e la paura è immensa. In una pandemia, non ci voleva anche questo: il fatto non riguarda “solo” l’Afghanistan, ma il cuore di ciascuno di noi.

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: