Attualità

Epicuro: vivere senza paura

Green Pass, valido in tutta Europa, è partito a pieno ritmo il 6/8/2021, nella speranza che serva ad incentivare la vaccinazione, rendendolo obbligatorio per operatori e utenti di Uffici e Servizi per le attività svolte al chiuso, a partire dai 12anni in su: scuola, Svago, divertimenti, (bar, ristoranti e cinema) dal 6 Agosto, Trasporti a lunga percorrenza (dal 1° settembre). In Europa, partite prima e con norme più restrittive Danimarca e Francia, si stanno avviando Portogallo e Grecia. Bisogna tener presente che la nostra Libertà finisce quando inizia quella degli altri. L’operatore deve avere una apposita app autorizzata dal garante ed aprendo deve poter vedere solo: nome e data di nascita, verde se in regola, con una croce rossa se non in regola, per ulteriori notizie può chiedere documenti identità. Interessante il tampone rapido vale 48h e può costare da 5-25-50 euro a seconda di chi lo esegue. Le Farmacie, dopo essersi adoperate nella somministrazione dei vaccini, alcune impegnando anche i pazienti, un po’ preoccupati per la situazione e infastiditi a partire dalla burocrazia (rovinare attestato, tenendolo in tasca o non trovarlo se inserito nel telefonino),  in letture di notevole interesse, spessore, nei 15/20′ di osservazione per eventuali reazioni al vaccino, offrivano ad esempio  La Felicità di Epicuro, una filosofia per vivere senza paura, mai troppo vecchi o troppo giovani per conoscere la felicità. E’ bello occuparsi del benessere dell’anima a qualunque età, crescere irrobustirsi, sentirsi adulti in giovane età e sentirsi giovani, specie nello spirito, quando si è avanti con gli anni. Epicuro, nel II° sec d.C. ebbe rapido declino perché combattuto dai Padri della Chiesa, per avere però giusto riconoscimento e rivalutazione nell’Umanesimo, nel Rinascimento e nell’Illuminismo.  Ora le Apotheke come venivano appellate le Farmacie da Epicuro, sono in difficoltà, la stampa dei Green Pass, pesa, ma fa parte del percorso pandemico, giusto contribuire, ma forse è chiedere un po’ troppo, gratis. Dovrebbe essere impegno più confacente al Medico di Famiglia, che lo ha in cura e deve comunque conoscere bene la situazione clinica, diagnostica e terapeutica.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: