Attualità

App “Oltrepò pavese”

E un territorio da estasi come quello dell’Oltrepò pavese non merita anch’esso un’applicazione, che introduca le nozioni di più settori, adatte sia al cittadino, affinché conosca meglio il proprio luogo, sia, soprattutto, all’ escursionista o turista, che, oltre ai metodi tradizionali di informazione, può usufruire, in qualsiasi momento, a costo zero e in tempi rapidi, di questo servizio.

Esso è stato creato dal finanziamento della Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Camera di Commercio di Pavia, in collaborazione con il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, il Distretto del Vino di Qualità dell’Oltrepò Pavese e il Club del Buttafuoco Storico.

L’app è una vera e propria guida virtuale e, nota di merito per i suoi progettisti, negli scorsi mesi, nonostante la pandemia che ha frenato il turismo, ma, ancor peggio, gli spostamenti nelle zone limitrofe, ha ricevuto commenti positivi, in 55 comuni dell’Oltrepò pavese, sulle loro strutture ricettive, folklore e qualità vinicola. A proposito dell’ultimo comparto, la ricerca compiuta da Federvini riguardo la produzione vinicola di quest’anno condotto a un ottimo risultato in una crescita per la produzione in generale pari al 3,2% ma nello specifico la denominazioni dei vini più produttiva è stata quella del vino D.O.P., acronimo di origine protetta, ovvero che le caratteristiche di quel prodotto sono una conseguenza del territorio in cui la sua uva viene coltivata, con un 43%.

Nell’ Oltrepò sono molto apprezzate le qualità di bianco, rosso e spumante.

Una passeggiata tra i profumi e i paesaggi di uno scenario, fra i più incantevoli della nostra provincia, soprattutto per rigenerarsi dai ritmi quotidiani, che, spesso, non giovano al nostro equilibrio psicofisico.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: