CronacaSport

Una “Scultura Vestita” di Stefano Bressani per la 69ª edizione del Raid Pavia-Venezia di motonautica

“Testa d’artista – Testa di pilota” Autore: Stefano Bressani

Il 6 giugno 2021 torna, dopo dieci anni, uno degli appuntamenti più classici della motonautica: il Raid Motonautico Internazionale Pavia-Venezia. La 69ª edizione sarà organizzata dall’Associazione Motonautica Pavia, in collaborazione con l’ Associazione Motonautica Venezia e sotto l’egida della Federazione Italiana Motonautica.  Sarà una “Scultura Vestita” dell’ artista pavese Stefano Bressani il primo Premio  che verrà assegnato per la Coppa Teo Rossi di Montelera al concorrente che nel tratto cronometrato “Revere-Pontelagoscuro” lungo 55 km avrà raggiunto la velocità media più alta. Si tratta della “Testa d’Artista – Testa da Pilota”, che ha fatto il suo debutto nel 2014 presso il “Mauto” di Torino.

 

Le opere di questa serie intendono rappresentare un capo umano quale centro dell’essere. Idealmente e nelle intenzioni dell’autore questa serie potrebbe rappresentare una sorta di omaggio al mondo motoristico e, più genericamente, a quello delle competizioni sportive in generale pensate come sono per esaltare e dare un degno segnale dello spirito di competizione fatto di umano volere temperato da una saggezza appresa col sacrificio quotidiano e che rappresenta di fatto il suo contributo riconoscibile, attraverso le sue stoffe, al mondo dei Motori e non solo.

L’ opera rappresenta una testa umana, una testa di pilota, e vuole essere il concreto omaggio dell’artista ad una competizione nata più di novant’anni fa il cui trofeo originale viene custodito presso la sede dell’associazione Motonautica di Pavia.  L’opera sarà consegnata, durante una cerimonia ufficiale, al vincitore della competizione direttamente dalle mani del suo ideatore e realizzatore Stefano Bressani assieme alle autorità del comune di Venezia e dagli organizzatori della manifestazione.

Il  Salone Nautico che si terrà da sabato 29 Maggio a domenica 6 Giugno 2021 presso il bacino dell’Arsenale di Venezia, che ha come come motto “l’arte navale torna a casa”, segnerà anche  il ritorno, a una sua casa ideale, dell’artista Stefano Bressani presso gli spazi veneziani che già avevano ospitato sue opere, durante la mostra Friends di Aprile– Novembre 2019 e che avevano animato la serata del Venice Artnight nel Giugno dello stesso anno presso lo Spazio Thetis. Di grande impatto sono state anche le sue partecipazioni alle passate edizioni di Open19 e Open20, manifestazioni che avvengono in concomitanza con la mostra del Cinema di Venezia, con le sue “Skultoflower” e il premio speciale attribuitogli nel contest Open Arte Laguna del 2016.

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: